Bonus verde e giardini pensili: quello che c’è da sapere

Il tetto verde é una tipologia di copertura applicata sempre più spesso sia sugli edifici residenziali che sui volumi accessori (es.garage e box). Infatti, per esempio, viene impiegato materiale da riporto distribuito poi sulla copertura piana impermeabilizzata delle rimesse, ma questo molte volte viene fatto senza idonea protezione contro l’azione meccanica dei vegetali in grado di attaccare le strutture stesse. Ed é così che si rischiano le infiltrazioni negli ambienti.

Negli ultimi anni, anche a causa del covid 19, si sono riscoperti gli spazi outdoor, (come i terrazzi), e la tendenza si é rivolta sempre più verso la valorizzazione di questi ambienti,  inverdendoli con giardini pensili, se accessibili. Grazie anche alla proroga del Bonus Verde, l’agevolazione permette di poter sistemare le proprie aree verdi e migliorarne la fruizione degli spazi. >>> Vuoi saperne di più sul Bonus Verde? Leggi tutto QUI.

Il giardino pensile, 8 passaggi fondamentali

  1. Primo passaggio fondamentale é quello di rivolgersi a un professionista tecnico per verificare i carichi che il solaio oggetto dell’intervento può sostenere, evitando quindi di sovraccaricarlo con pesi eccessivi. Infatti, solo 1kg di terriccio nel momento in cui si bagna raddoppia il suo peso.
  2. Un controllo é necessario anche sul modo di diffusione del vapore acqueo.
  3. Si stende un telo di poliestere e si ricopre con una guaina in PVC per proteggerlo dalle radici, e ci si tiene a distanza dai bordi sui 5-10cm.
  4. Si inserisce a questo punto uno strato drenante (ciottoli e ghiaia, piccoli blocchi di polistirolo e gomma, argilla espansa).
  5. Si stende un telo tessuto non tessuto che garantisce il filtraggio idrico.
  6. Si posiziona dello strato di terriccio che deve ricoprire la soletta del tetto oppure del terrazzo per inserirci dentro arbusti, alberi e piante, senza l’uso di vasi.
  7. Dopo di ché si tagliano tutti gli strati di materiale, liberando le grondaie per il deflusso dell’acqua.
  8. Vengono piantate delle essenze perenni, ricoprendole con un po’ di substrato. Per gravare meno sul sistema vengono usati dei terricci a peso contenuto, con sostanze organiche e minerali.

>>>> Non perdere altri focus sulla progettazione VERDERicevili direttamente

Per i primi tempi é necessario parecchia attenzione al giardino pensile, poi la manutenzione può essere effettuata un paio di interventi durante l’anno. Per non aumentare il peso che grava sulla soletta è necessario irrigare il giardino poco ogni volta, ma con frequenza.

Non perderti un’altra agevolazione: Bonus pavimenti esterni: si può, ma a delle condizioni

Bonus Verde per i giardini pensili

Abbiamo parlato prima di Bonus Verde, rientrano nelle detrazioni anche i giardini pensili e le coperture a verde, sia nel caso in cui vengano realizzate sull’immobile per uso abitativo, sia se si sceglie di intervenire sulle pertinenze. Si possono così ad esempio realizzare degli spazi verdi aggiuntivi sul lastrico del box auto, usufruendo della relativa agevolazione.

È possibile anche ricorrere al sistema a verde intensivo leggero che ha spessori e pesi abbastanza contenuti. I giardini verdi pensili leggeri possono avere sia zone a prato, sia zone pavimentate per favorirne la fruibilità, sia zone piantumate con specie di media grandezza e cespugliose. É ovvio che le varie zone devono essere attentamente progettate e separate con l’uso di cordoli che contengano, anche, i diversi spessori. Si ricorda che anche le spese di progettazione possono rientrare nell’agevolazione.

Potrebbe interessarti: Pavimento flottante esterno: bonus, caratteristiche e permessi

I giardini tutelati

Inoltre sono detraibili gli interventi mirati al mantenimento del buono stato vegetativo e alla difesa fitosanitaria di alberi secolari o di esemplari arborei di notevole pregio paesaggistico, naturalistico, monumentale, storico e culturale, la cui conservazione è strettamente collegata alla tutela del territorio e dell’ecosistema. Per questo motivo la detrazione è cumulabile con le agevolazioni già previste sugli immobili oggetto di vincolo da parte del Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs. n. 42/2004), ridotte però nella misura del 50%.

Leggi anche: Pergola da realizzare in una zona vincolata, è possibile?

I casi esclusi

Sono escluse, invece, le spese per la manutenzione ordinaria dei giardini, come: la potatura delle siepi o la rasatura del prato. Invece la realizzazione di fioriere e l’allestimento a verde di balconi e terrazzi è agevolabile quando è permanente e si riferisca ad un intervento di tipo innovativo.
Infine sono esclusi i lavori in economia, ma è ammessa la detrazione per l’acquisto delle piante purché sia accompagnata dalla fattura del giardiniere per i lavori.

In pratica ci si può rivolgere a fornitori diversi per l’acquisto degli alberi/piante/arbusti/cespugli/specie vegetali e per la realizzazione dell’intervento, fermo restando che l’agevolazione spetta a condizione, come detto, che l’intervento di riqualificazione dell’area verde sia complessivo e ricomprenda anche le prestazioni necessarie alla sua realizzazione.

Approfondisci: Bonus Ristrutturazioni recinzioni: no 50% anche per sostituzione di una parte

Foto di copertina: iStock/xavierarnau



Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it  |  www.maggioliadv.it